Stemma Comune di Rivergaro
Terre del Trebbia
Home News Comune Informa Servizi al Pubblico Mappa del sito Contatto
 
Cultura
  Storia
  Monumenti
  Eventi
  Centro di Pubblica Lettura
   
Turismo
  Percorsi turistici
  Dove dormire
  Dove mangiare
 
Tempo Libero
  Manifestazioni
  Sport
  Musica
 
Utilità
  Associazioni
  Numeri Utili
  Cartografia
 
Banner
 
 
 
Copyright 2002
Comune di Rivergaro
Tutti i diritti riservati
 


   
 
Benvenuti in Cultura 

 
Monumenti
 
  RIVERGARO - Oratorio di S.Rocco
   
 

Nelle memorie dei parroci del 1800 si trova ripetuta questa notizia:"L'Oratorio di San Rocco fu costruito su un area di vecchio Oratorio circa l'anno 1613 con contributo di Ranuzio I Farnese. C'e'chi ricorda di aver veduto sulla porta dell'oratorio lo stemma farnesiano. Sullo stendardo portante l'immagine del Santo scorgesi quasi chiaramente oggidÏ (1872) il medesimo stemma".

S.Rocco

L'inizio o fondazione della Confaternita sembra debba risalire alla iniziativa dei fatelli conte Anton Maria, canonico della Cattedrale e il conte Giovanni Anguissola. I due ne furono Protettori e primi membri.

Lo stesso canonico Anton Maria il 9 aprile 1629 visitò l'Oratorio e, trovandolo semidiroccato, lo fece ricostruire a spese sue, del fratello conte Giovanni e della moglie di questi Giulia Francesca Scotti.

Questa notizia é presa dal citato volume "la famiglia Anguissola" che termina dicendo che, "dopo aver costruito l'Oratorio, lo hanno fornito di mobili e donato alla Confraternita, riservandosene il dominio e ponendo sulla porta le loro armi (stemma)".


<< La facciata della chiesa di San Rocco

I cappellani nominati per la Confraternita dovevano essere bene accetti ai signori conti e loro successori.
Le più antiche memorie scritte e verbalizzate sulla esistenza dell'Oratorio di S.Rocco si trovano nei verbali
della Visita pastorale del Vescovo Castelli del 1579.

Statua di S.Rocco

Dice il verbale che il Visitatore visitò l'Oratorio di S.Rocco, vi trovò l'altare spoglio sul quale si celebra la messa solo il giorno della festa del santo.
Sull'oratorio c'é una campana. Notiamo intanto che forse non era un semplice Sacello se vi si celebrava la messa; a quei tempi non sarebbe avvenuto se non c'era un minimo di ambiente; c'era poi anche una campana, che denota una certa funzione di richiamo dei fedeli.

La visita seguente del Vescovo Rangoni, nel 1599, si diffonde un po' di più. Dice che l'oratorio é posto in luogo piano (rispetto alla Chiesa parrocchiale che era più su un colle), ha il tetto coperto di nude tegole, necessitante di riparazione.

Le pareti non sono intonacate, ne imbiancate, nec'é pavimento.
Non c'é statua del Santo, ma solo l'immagine di S.Rocco dipinta, quasi cancellata. L'altare é nudo, di mattoni. C'é una campanella sopra il muro della facciata tra due pilastrelli.

Anche la facciata non é intonacata, ne imbiancata. Sulla destra dell'Oratorio é dipinta l'immagine di S.Antonio. Vi si celebra nella festa di S.Rocco.

Osserva ancora il verbale: nella visita precedente si diceva che c'erano 30 soldi di reddito, ma ora non si sa dove sia no.

Nel 1825 furono delineati e attuati restauri e rifacimenti dell'Oratorio: costruzione della cappella destra dell'Oratorio in cui sarà posto il bel quadro rappresentante la Madonna, S.Lucia e S.Biagio.

<< Statua di S.Rocco venerata nell'Oratorio

"A. Callani dipinse, 1790 circa, Carlo Girometti restaurò 1863".
E' una preziosa indicazione, anche se non di mano dell'autore, in quanto ne nei libri della Confraternita, ne altrove si riesce a trovare quando e come il detto quadro é stato messo in S.Rocco: certamente nella metà del secolo e proviene probabilmente, come riportano le Guide, da una Chiesa di Piacenza.
Verso il 1830 la Confraternita deliberò di far scolpire una statua della B.V. di Caravaggio, la cui devozione si andava diffondendo. IniziÚ cosÏ una devozione ben radicata in Rivergaro che ne celebrava la festa con grande solennità, pari se non superiore alle feste di S.Rocco e di S.Agata.
   
  << torna